4 settimane

AN APE ESCAPE: RETURN TO MONKE

AN APE ESCAPE: RETURN TO MONKE
È il 28 giugno 2022 ed esce l’album “Ice Climbers II” di Catra Martinex e Glasond

Un progetto musicalmente molto vario che, banalizzando, tende maggiormente ai generi West Coast rap e Detroit Drill, o almeno così credo. Il primo artista, romano, è un ex membro della Fuckyourclique; mentre il secondo, calabrese, fa parte della Fiama Gang.

Ma va bene, saprete già chi sono, altrimenti, recuperate i nostri due articoli sui Fuckyourparty di Roma e Milano.

Da fan del primo album “Ice Climbers”, mi affrettai ad ascoltare il seguito. Arrivo alla traccia 13, intitolata “King Von”, in omaggio all’omonimo del driller di Chicago, scomparso nel 2020.

Inizia la canzone, parte Glasond, è perfetto

“Tornerà l’impero antico come ciò che c’ho nel DNA (Pa-pa-pa-pa-pa-pah)”

Glasond è un aristocratico dello spirito.

Poi prosegue Catra, ottimo anche lui, entrambi utilizzano un flow abbastanza lento, tipico di chi la metropoli la vive solo per necessità ma punta a ben altro.

“Stamo tutti intercettati, usa le parole giuste”

Catra Martinex come i politici di destra.

Conclude Hammon, anch’egli membro della Fiama, che è il featuring del pezzo.

Ti lascia fulminato

Non conoscevo Hammon, o almeno pensavo di non conoscerlo, perché è lo stesso delle canzoni “Kate Moss” e “Robin Hood”, che avevo ascoltato tempo addietro

“Non danzo, non mi piacciono i nastri, sono quel giovane genio dell’aеronautica”

Hammon in Kate Moss

“Rubo ai negri, do ai miei negri perché sono Robin Hood”

Glasond in Robin Hood

La sua strofa è geniale, unisce un misto di bisignanese, dialetto calabrese della città di Bisignano, all’inglese e credetemi, suona benissimo: è la lingua degli dèi. Ovviamente, essendo sceso sotto l’Umbria solamente dopo le superiori, non ci ho capito nulla. Ma questo non è un difetto, bensì uno dei maggiori punti di forza della parte cantata dell’artista.

Eccola, anche se ovviamente funziona meglio ascoltata

‘Nculo a chi t’è muartu (Ah), mignu ketamina, ci viju rallentatu (‘Tatu)

Patreto è na drag queen, mammeta è na popper

Hai minatu merda ca ‘u biriare ‘a seje/sett’anne

Ca-ca-ca-cacaje cumu un ‘i novant’anne (Sî rimastu)

Sorde, ne tiagnu cumancu (Cumancu)

Troje, ne tiagnu cumancu (Cumancu)

Pezzata, m”a staje fumannu

Stinnimu nu, du’, tri e quattru (Nu, du’, tri e quattru)

Fifty/fifty, ‘u taju mienzu pills e mienzu bicarbonate

Senza faccia ‘a strata, strata sta palummannu janca (Yeah, yeah)

‘Un t’amu mai vistu, sugnu preoccupatu, fazzu domande (Fazzu domande)

‘Un t’amu mai vistu, sî nu stranger, ‘un sî coolin’ nu cazzo (Sî coolin’ nu cazzo)

‘Un t’amu mai vistu, ti viju sul mienz’û mirinu ‘i na pistola

Fa parole a Cusenza: bucu, bucu cumu a King Von (Brr)

Ebbene, a seguito della mia scoperta, corro subito ad ascoltare le uscite di Hammon, per ritrovare ciò che mi ero perso. Nel 2021, più precisamente il 14 maggio, è uscito “Voice Della Bulture (AAE Deluxe)”, come da titolo, la deluxe edition di “An Ape Escape”, progetto musicale uscito nello stesso anno ma a febbraio, e così schiaccio play. Come per magia, mi si apre un mondo e Hammon diventa l’artista che ho più ascoltato su Spotify.

Hammon Lyrics, Songs, and Albums | Genius

Ma proviamo ad analizzate quest’album

Perché si intitola così? Ovviamente, è un riferimento all’omonimo videogioco. Ma tale scelta non deriva dal fatto che l’artista lo conosca approfonditamente, ma piuttosto perché uno dei producer, dopo aver terminato la registrazione dell’album, ha esclamato che fosse una roba da scimmie, come dichiarato dallo stesso Hammon in un’intervista a Radio Bocconi

Perché l’album dovrebbe essere associato alle scimmie? Non si tratta di un riferimento al meme, oggi ormai quasi banale, che paragona i calabresi ai primati (peraltro un’associazione che l’artista ha involontariamente sfruttato a suo vantaggio).

Piuttosto, è dovuto alla serie di “sporche” reccate da Hammon, molto particolari e che evocano suoni animali, dei versi primordiali che creano un effetto di “reject humanity, return to monkey” non intenzionale (apparentemente), ma comunque spontaneo. Hammon ha continuato la lore scimmiesca nel suo album del 2023 “Il Pianeta delle scimmie”; ora, sembra essersene distaccato per portare una maggiore novità con le sue ultime uscite sulla wave del Scam Rap.

Se poi si ascoltano alcune canzoni si percepisce un gusto provocatorio per il politicamente scorretto:

Brucio commie con i baggie, siamo gli MC dei ’20.

Da “XXL Freshman 2021”

Coca bianca come un commie

Da “Cake”    

E se è per dire: “Fuck a commie” allora siamo fasci

Da “Bulture”

Fiama, siamo la rightgang, upsetting

Da “Sip session

Il mio brano preferito resta “Tony”, duetto con Tony2Milli, una traccia che rappresenta una sintesi perfetta tra il Nomos della terra bisignanese, incarnato da Hammon, e quello talassocratico paolano di Tony, che infatti utilizza quasi esclusivamente la lingua italiana

 

Potrebbe essere finalmente il momento della Repubblica Nera di Bisignano?

La “questione meridionale”  è tornata alla ribalta negli ultimi tempi, soprattutto grazie ai due De Luca, Vincenzo e Cateno, ma anche per Geolier a Sanremo. Anche noi ne avevamo già parlato e, per continuare questo discorso di tendenza meridionalista, conviene recuperare i due articoli:

Innanzitutto, è un grave errore ridurre il Sud Italia al solo modello napoletano, ma l’Italia meridionale, come il resto del Paese, vanta fortunatamente una forte tradizione municipalista. Un progetto musicale come la Fiama Gang ne è un chiaro esempio, Hammon e Glasond lo testimoniano grazie ai loro riferimenti alla città di Bisignano, menzionata nel titolo della canzone “Bisignano Wild Dogs”:

Ma anche in svariate altre situazioni, come in “Dentro al taglio”, col gioco di parole: 

“A Bisignano c’er”a scimmia quannu nua ‘un ci simu”

La loro esperienza può essere un esempio, un modello per quella che è l’Arcitalianosfera. I “terroni” potrebbero arricchire i “polentoni” con la loro vivace creatività artistica e il loro forte senso di comunità. Allo stesso tempo, viceversa, i “polentoni” dovrebbero condividere le loro strategie di successo economico, favorendo la nascita di nuovi poli di creatività musicale, per evitare un milanocentrismo che, alla fine, impoverisce la stessa musica del Nord.

Qual è il rapper di nuova generazione milanese che conoscete?

Forse Rhove o i Grill Boys… ma il resto sono fuorisede d’importazione o pseudoartisti generati chimicamente dalle etichette discografiche. Naturalmente coloro che già eccellono in ambito finanziario ci sono anche al Sud: la Fiama è avanguardia, ha dimostrato di saper alzare racks e crypto a volontà.

Il centro Italia è escluso nel discorso perché Dio ha deciso di distribuire l’amore solo in quella parte del territorio nazionale, perché anche Roma è colonizzata dai fuorisede, e perché i giochi di potere e i vari assi non mancano mai, anzi, la scena scende da Trastevere a Casalpalocco ed è viva e operante. Una volta indipenti queste regioni (artistiche e non) dell’Italiosfera, sarà possibile favorire un Erasmus in Calabria per i trapper del Nord

Hammon e Glasond rappresentano una nuova diarchia, simbolo di un Sud che si rialza e, con esso, tutta l’Italia. E ora, Musica Maestro! Lasciate che parta l’Inno del Regno delle Due Sicilie!

1
“Siete insetti”
2
Ultimi Romantici
3
Figli della Stessa Rabbia- Overanalisi dell'Identità Europea
4
Italia 2050 parte 2: il Maovimento con Di Maio
5
COME VEDI LA TERRA?

Gruppo MAGOG