Apodie

Apodie
Dobbiamo essere veloci, bere lo schizzo e farci una bella corsa. Siamo dell’Apodie dopotutto…

Quando va veloce, incurante del pericolo e in piena ebbrezza, l’uomo rassomiglia la divinità.

Il telaio è fine, la carrozzeria è cromata come uno specchio di vermiglio colore, chiunque vi si specchi ha l’impressione di essere in un altro universo, color sangue, come se il cielo sembrasse colare, sanguinare e perdere sulla superficie sotto di esso. Un verniciata rossa a qualsiasi cosa hai intorno. Questa è la rappresentazione di una macchina, di un APODE le cui gambe cadute sono state rimpiazzate da ruote e innesti.

Possediamo gambe, UMANE, capaci di arrivare a sei, otto, dodici, quindici chilometri orari. I più FURBI tra noi hanno già innesti e arti meccanici, che con pompe e liquidi, spingono l’uomo-macchina ad essere più veloce. 

L’uomo, per ovviare a questa mancanza e alla dissipazione delle gambe, inventò lo Schizzo, un insieme di polveri sottili, -ine, acceleratori, stupefacenti e molecole eccitanti. Scorre liscia nello stomaco e ti distrugge il fegato, ma almeno sei veloce. La stragrande maggioranza di noi fa uso di schizzo, solo non vuole correre, vuole pensare al passato, come dissiparlo e renderlo commestibile.

-Hey, vuoi dello schizzo?

-Sì, grazie, ci vuole proprio per vedere i miei nonni.”

Quando iniziai a fare uso di schizzo, non lo chiamavo ancora così ma con un semplice bevanda energetica, pensavo fosse un integratore come gli altri. Poi presi un’altra lattina, poi un’altra e un’altra ancora. Via via che si accumulavano le lattine da 500ml il mio desiderio di non avere più le gambe divenne più forte. Lo schizzo appariva verde e giallo, viola a tratti blu, aveva il colore che più ti piaceva. Il gusto era dolciastro.

  • Così divenni un senza gambe, uno degli APODIE.
    • Guidavamo gambe non più nostre.
      • Bevevamo schizzo e ci lamentavamo del più e del meno: non avere quel famoso euro per la lattina, non essere ancora abbastanza veloci e di avere ancora delle gambe biologiche e stancabili.
        • Si ballava, si scherzava e si beveva lo schizzo.

Un luogo e un sentimento condiviso, lo spazio liminale senza fine dove apodi corrono.

Bevendo direttamente da flebo caricate sulla schiena.

Questo è il futuro che merita l'umanità.

1
PRIMA SERATA STRAGOG, vista e diretta da ilBlast
2
TERZA SERATA STRAGOG, scritto e diretto da ilBlast
3
SECONDA SERATA STRAGOG, vista e diretta da ilBlast
4
La copertina sul nasino, risposta a La Repubblica, e a Francesco Piccolo
5
Intervista esclusiva: PADANIAN SHITPOSTER

Gruppo MAGOG