3 settimane

AYA PIAF

AYA PIAF
Tra le notizie della settimana, che puntualmente i giornalai italiani riportano per cercare la polemica facile - esattamente come faccio io -, Aya Nakamura, regina del Pop d’Oltralpe, vittima, a quanto leggo, di insulti razzisti dopo l’indiscrezione di una sua possibile nomina come cantante per la cerimonia di apertura dei giochi di Parigi del 2024.

Le prime sorvegliate con l’Intelligenza Artificiale e il riconoscimento facciale (https://euractiv.it/section/digitale/news/parigi-approva-il-piano-di-sicurezza-con-lai-delle-olimpiadi-2024/)

Benvenuti in Occin(a)dente!

Immagine che contiene Viso umano, persona, vestiti, sorriso

Descrizione generata automaticamente
Il grande fratello ci osserva.

Ma, tralasciando questo particolare del tutto insignificante (non lo è), fanno sicuramente più notizia gli insulti razzisti rivolti alla cantante Franco-Maliana dall’estrema destra francese. 

Ma entriamo nel merito della questione.

L’ipotesi che Aya Nakamura canti un brano dell’intramontabile Edith Piaf (quella della Vie en rose) ha fatto incazzare quelli del partito Reconquête di quel matto di Eric Zemmour, che hanno mostrato uno striscione con scritto Non è possibile, Aya; questa è Parigi, non il mercato di Bamako.

Immagine che contiene testo, aria aperta, striscione, bandiera
Aya Nakamura
Descrizione generata automaticamente

Effettivamente, Parigi è Parigi e Bamako è Bamako. Se sei un vero francese, un francese della provincia intendo, di quell’immensa provincia che è la Francia, Parigi ti sta sui coglioni e probabilmente andresti più volentieri a Bamako a goderti il caldo.

Ville 0 Province 1

Bamako, leggo da wikipedia, vuol dire stagno del coccodrillo in lingua bambara. Vi serve altro? Dico, vi serve altro per preferire una città con un nome chad nella lingua della bamba alla virgin Paris?

Ma passiamo oltre.

Per quanto sia contrario a infilare neri e froci dappertutto, quando i meriti sono sotto gli occhi di tutti, è un semplice meritocrazia premiare con ruoli importanti chi si è distinto.

E Aya Nakamura lo ha fatto.

Aya Nakamura, anzitutto, merita di cantare a Parigi 2024 perché ha rilanciato il Pop transalpino, genere che non versava in buone acque (d’altronde chi cazzo ascolta Pop) Facendo un paragone, Aya Nakamura ha fatto quello che ha fatto Elodie (che comunque non ascolto) in Italia. Pertanto, cari i miei estremisti di destra che vi sentite attaccati da questa nomina, alle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, vorreste sentire Laura Pausini o Elodie?

No, gli ZetaZeroAlfa sono inascoltabili.

È pur vero che un duetto Annalisa-Elodie sarebbe la situazione migliore, ma insomma, da quando i Radioclub si sono lasciati :’( non ascolto più di tanto il pop francese da proporre un nome diverso dalla Nakamura.

Elodie vs Annalisa Scarrone : r/CelebBattles
"Disco Paradise", Fedez con Annalisa e Articolo 31 punta sulla nuova ...

La tengo como todas.

Di sicuro a Zemmour e compagnia cantante non va giù che la Nakamura sia nera. Ma la cosa desta non poca ilarità negli osservatori più accorti: Zemmour è un fottuto ebreo-berbero-algerino.

La realtà supera il meme: l’estrema destra francese guidata da un arabo-ebreo che viene da una ex-colonia (esattamente come i genitori della nostra povera Aya)

I francesi con la loro Grandeur dovrebbero mettersi il cuore in pace: se hai un impero è inevitabile che le genti dei quattro cantoni del globo terracqueo vengano ad abitare nella nuova madre Patria, con tutti i problemi che ne conseguono. Ma questi, i problemi, vanno affrontati con coraggio: mandando Zemmour a Gaza potrebbero far cantare la nostra Aya e convincere israeliani e palestinesi a fare pace. 

Immagine che contiene Viso umano, persona, vestiti, Fronte
Aya Nakamura
Descrizione generata automaticamente
Immagine che contiene vestiti, Viso umano, brassière, persona
Aya Nakamura
Descrizione generata automaticamente

Con chi berresti più volentieri un tè?

Ma, tralasciando la geopolitica internazionale, Aya Nakamura è la cantante Francofona più ascoltata al mondo. Perché non farla cantare? Perché, dopo che ci avete fratturato i coglioni con Egalité, Liberté, Fraternité, perché, dopo che avete rovinato il mondo con una finta democrazia nazionale (la democrazia non potrà mai realizzarsi in uno stato Nazionale), perché, dopo che avete separato l’appartenenza nazionale dall’etnia, venite ora a cagare il cazzo per la Nakamura?

Acceleriamo la disgregazione della Francia, portiamola alle estreme conseguenze, e, forse, salveremo i Francesi. Questo dovrebbe dire Zemmour.

Ma essendo un ebreo-berbero-algerino non lo dice.

Immagine che contiene testo, veicolo, ruota, Veicolo terrestre
Aya Nakamura
Descrizione generata automaticamente
Vamos Carajo!

Come riconosce Nick Land in Illuminismo Oscuro, lo stato multietnico non può regolarsi democraticamente. In particolare, l’osservazione di Land riguarda i risultati delle elezioni in Gran Bretagna, dove più del 90% dei Sikh votano Tory mentre gli arabi votano Labour. Ciò vuol dire che, diversa l’etnia, opposta la visione politica. 

Più o meno quello che succede in Italia (e un po’ in tutti i Paesi) su base regionale – no, non voglio assolutamente la Seccesione del Veneto sior Mattarello

Questo discorso, declinato alla francese, può solo tradursi in uno scontro che trascende la politica e arriva in strada: Città vs Provincia, Parigi vs Francia, Stato centrale vs Stati regionali. I francesi, che hanno insegnato al mondo l’appartenenza alla Nazione al di là dell’etnia, ora si trovano davanti al fatto compiuto: gli arabi e i neripieni di risentimento verso la Francia e verso i Francesi bianchinon riconoscono e non si sentono parte della Nazione. 

Aya Nakamura Marocco

Quale prospettiva quindi per la Francia? Passando da Nick Land a Parag Khanna, maritando le loro teorie, ecco che si arriva al paradosso: solo la disgregazione dello Stato salverà i Francesi. E con Francesi intendo i Francesi bianchi, eredi dei Galli e dei Romani, con qualche immigrato polacco o italiano in mezzo.

Oppure, ragionando in senso contrario alla costituzione di città-stato bianche nella provincia Francese (contro la multietnica Megalopoli parigina), possiamo affrontare il tema nella visione che più si confà all’animo francese.

Parafrasando de Gaulle (che vedendo Zemmour si starà rivoltando nella tomba), il gollismo è una filosofia portatrice di una certa idea della Francia.  Essa ha potuto essere un faro per il mondo occidentale perché era guidata da un destino comune (l’impero carolingio, le crociate e la cavalleria, il Grand Siècle di Luigi XIV, la rivoluzione francese e Napoleone); tuttavia, è nota la passione francese di ripiegarsi su delle dispute interne che,  inevitabilmente, la portano sulla via del declino.

Queste assunzioni di de Gaulle risultano quasi profetiche. De Gaulle, a cui dice di rifarsi Zemmour, non vorrebbe tante polemiche per scegliere un cantante: vorrebbe veder Aya Nakamura cantare a Parigi, per un evento, le Olimpiadi, che dà lustro a qualsiasi Paese lo ospiti, e questa volta tocca alla Francia mostrare la sua Grandeur e, di conseguenza, la Françafrique.

Immagine che contiene Viso umano, persona, sorriso, vestiti
Aya Nakamura
Descrizione generata automaticamente
Charles André Joseph Marie de Gaulle, per gli amici Bobo.

Alla fine di questo articolo una domanda sorge spontanea.

Chi sono i Francesi?

E la siora Piaf era una vera Francese?

Non sorprenderà scoprire che la nonna di Edith Piaf era una beduina e che sua madre era una livornese (di origine berbera): ecco perché Zemmour ci è tanto affezionato.

Dunque, cari amici di Reconquête, siete veramente di destra? Credete veramente che la Francia possa e debba contare qualcosa nel mondo?

Sì? Allora Aya Nakamura deve cantare Edith Piaf a Parigi 2024; solo allora la France farà mostra della sua Grandeur esibendo la  Françafrique

Solo così si metterà a tacere la wokeness che vorrebbe l’Occidente chiedere scusa per il suo passato. 

C'è un patto di duemila anni tra la grandezza della Francia e la libertà del mondo. 
- Charles De Gaulle

O per dirla con le parole di Edith Piaf:

Non, Je ne regrette rien. 

(Non, rien de rien)
1
“Siete insetti”
2
Ultimi Romantici
3
Figli della Stessa Rabbia- Overanalisi dell'Identità Europea
4
Italia 2050 parte 2: il Maovimento con Di Maio
5
COME VEDI LA TERRA?

Gruppo MAGOG