Occidente a Quattro Zampe? Sparagli!

Occidente a Quattro Zampe? Sparagli!
Lettura boomer
Risposta futurista. Niente di più, niente di meno.

Leggendo le splendide parole del precedente articolo, mi è parsa una visione.
Lo vedevo, lo sentivo, era lì con me.

Mafarka. Mafarka il Futurista, il negrosso, il grosso, lui.

Siate Mafarka.

Mi indicò la via: la clava.

Take a Knife, Take a Life

Cosa mi ha dato l’Occidente in 22 anni? Nemmeno dal 2016, o dal ‘45. Ma dal 2000. Cosa ha fatto l’Occidente da quando sono nato? Mi ha truffato.

Molti diranno, leggendo questa frase, ma che dici? L’Occidente! Difendi la…

PUREZZA OCCIDENTALE CIVILIZZATRICE!

Quale? Migliaia di obesi americani? Migliaia di depressi e invertiti, nonbinari sul binario del Capitale, della Razza, della Produzione. Migliaia, ma che dico, miliardi di lenti, inutili, pessimi, fallimenti.

Ognuno ha il suo nome: Rhodesia, Germania Nazista, Italia, Sud Africa.

Indovina cosa ha fatto quell’Occidente? Ha perso. Purezza? Qui serve Velocità, altro che purezza, qui serve scappare col bolide verso una nuova importante epoca.

  • Pensate che basti essere occidentale? Devi essere ricco.
  • Pensate basti essere civilizzato? Devi essere ricco.
  • Pensate basti essere… diciamo… bianco? Devi essere ricco.

Ricco di cosa, penserete, chiedere, tra lacrime e sudore (di certo non dopo aver compiuto questa rivoluzione) Ricco di spirito. Ricco di una carica. Pensate che i paesi sopracitati e i miliardi di nostalgici, lenti, abbiano concluso qualcosa? Abbiano civilizzato? Abbiano costruito qualcosa sopra le carcasse della lentezza?

No cazzo, no.

Hanno solo arricchito, prodotto, consumato. Hanno solo obbedito.

La Personalità regge, solo quando vi è ricchezza di Spirito. Non vi è nulla di buono se non esce da una Personalità. E stare su internet, come nel Bar, come in Parlamento a profanare la propria Persona con parole e gesti considerabili Occidentali, è un tradimento.

Io con l’Occidente, rappresentato dalla coalizione NATO, e i suoi dissidenti filo-CSI, non ho nulla da spartire. Sembra che siamo tutti Ein Volk, Ein Reich, Ein Fuhrer. Ma qui, io, mi sento più Junger.

Io. Io. Io. Solo e unicamente Io.

Non voglio spararmi dieci, venti, mille guerre ideologiche, sociali, battaglie di sola nostalgia. Voglio spararmi qualcosa che mi renda Uomo, che mi renda finito, che mi renda Persona.

Voglio sparare pure, voglio annientare, voglio tradire quello che mi ha tradito.

Perché l’Occidente, America, Gran Bretagna, Francia, Europa, Giappone, Russia non ha nulla da invidiare a un popolo di tribali, a un popolo di maomettani, a un popolo guerriero. Ha solo da apprendere. Perché? Abbiamo perso al Passionarietà, abbiamo perso la stessa indomabile passione dei Romani che civilizzavano, ma attenzione Imperavano, dai popoli oppressi. Imparavano, assimilavano, elevavano.

Scordatevi tutta la narrativa pseudo nazista, in realtà solo diffusa in America, da quel invertito di Rockwell e composta da pochi, semplici falliti come Atomwaffen, ONA e SIEGE, che nel necessario, nella rivoluzione, nel mio Mondo non avranno posto, perché lenti.

Scordatevi l’essere bianchi, non lo siamo, siamo mediterranei. Siamo figli e figlie di Roma, di Cartagine, di Costantinopoli, non di Berlino, non di Washington, non di qualche WASP.

Io non sono bianco, io non sono americano, io vivo però in una loro colonia mentale.

Mentale, pura e semplice colonia mentale, dove tutti ragionano e vivono solo per il loro semplice e quanto patetico leader: zio Sam.

Io auspico quindi che non ci seguiate più.

Perché siamo schifosi ma veloci futuristi, non lenti e inutili (a meno che non si parli di servire la produzione) nostalgici.

Io auspico di vivere in città mediterranee, dove ho più in comune con un magrebino che col turista, che sfrutta il mio paese e mi tratta come trattava i miei nonni, alla pari dei suoi schiavi dalla nera carnagione.

Io spero e auspico alla fine dell’Impero, non il mio reso tale dal Marmo e dal Fuoco, ma di quello che ha composto l’attuale egemonia mentale.

Dove tutto è Stelle e Strisce.

1
Saviano odia i meme
2
LA SINISTRA RIPARTA DA CICALONE
3
Caga sul tappeto
4
CJALDE MA FLAPE
5
Barbonaggio e Basataggine

Gruppo MAGOG

IL FARDELLO DEL PLUS-DOTATO
Psicopolitica

IL FARDELLO DEL PLUS-DOTATO

Il buon Rudyard Kipling ci parlava del fardello dell’uomo bianco e proprio per questo è uno dei bersagli preferiti del nuovo ordine anti-razzista, nel senso di negazione dell’esistenza delle razze, una cosa che il gogghiano Gustave Le Bon considererebbe niente più che buoni sentimenti, non avallati da un reale ragionamento scientifico. Ma proprio perché queste categorie di uomo bianco – uomo nero stanno ormai sbiadendo, almeno in Europa, oggi è il caso di parlare di ben altro fardello.
1 anno
IL PESO DELLE MANI - Capitolo III
highlight

IL PESO DELLE MANI - Capitolo III

Capitolo Terzo della Saga Immortale
2 anni
Vaporwave: Reinventare il futuro!
Monografie

Vaporwave: Reinventare il futuro!

La Vaporwave è decisamente un genere interessante, sia per la sua sonorità – ormai diventata troppo comune, ma all’epoca strana e nuova, sia per la sua estetica – detta memeticamente aesthetic.
1 anno
Giampiero Neri: Un Maestro in luce
Connessioni

Giampiero Neri: Un Maestro in luce

Il Maestro Giampiero Neri si rivela a noi di ilBlast con tutta la sua sincera poesia, 95 anni di maestria.
1 anno
Enea: un film per famiglie
Colapelle

Enea: un film per famiglie

Siamo andati al cinema a vedere Enea...
6 mesi