Via delle sprangate, 666

Via delle sprangate, 666
Poesia, pura e semplica, immagini e 666!

Ora, mentre essi mangiavano, Gesù prese il pane e, pronunciata la benedizione, lo spezzò e
lo diede ai discepoli dicendo:

“Prendete e mangiate; questo è il mio corpo”.

(Mt 26, 26)

SBIM! BUM! SBANG!

Si è rotta la spranga.
“Mo te ne tiro un’altra!”
E intanto sogniamo.
Che cosa? La rivoluzione.

WHAM! Fulmini di gioia,
tempesta d’orrore!

Chi sei?
Comunista
No, tu, idiota, il tuo nome!
Che importa: ora si uccide, ora si muore

Poesia

Passano i giorni le notti le ore,
Siamo tutti davanti alla televisione.
Inebetiti scrolliamo – ridiamo; – riflessi bugiardi.
Disciolti, siamo una melma.

Poesia

E mormoriamo,
sofferenti, “ancora..”
Cosa vuoi che non sia godere?
Finalmente!


L’anima è pronta, la prova finale l’aspetta!
Nei corpi sfiniti, solo può risvegliarla
il piacere: il piacere del gioco e del potere.

Poesia

Raccogli la spranga
dimenticata in terra:
solo ora Essa è
spada di luce

BANG! ZAM! SWING!

Avanti contro i nemici!
Demoni abietti, vigliacchi, infìdi!
Lì sta la Patria, lì come il Mondo.

Poesia

Basta Morale o pensiero cosciente,
Voglio nei corpi divorare Dio;
fare così la Sua volontà!

1
Lys Noir, Intervista internazionale
2
SCANDERBEG: UN MATTO CON UN SOGNO INSENSATO
3
Giampiero Neri: Un Maestro in luce
4
LA POLITICA NON È UNA COSA PER VECCHI
5
La Parte degli Angeli (Con Audio)

Gruppo MAGOG