Schizopoesie II

Schizopoesie II
L'attualità è una gabbia, piramide tombale della civiltà. La civiltà è una catacomba, sepolcro profondo della libertà. La libertà è un patibolo, tortura democratica, sotto democratico diluvio.

-Non rivoluzionari, non paladini, non giusti, non responsabili, non integerrimi, non buoni ma sottoprodotti, paria espulsi dall’intestino conatoso del mondo.

-Cerchiamo brancolando 

tra lacrime feroci 

i reflussi di scolo 

di vene esangui, anni impietosi

Il riflesso cocente

imperlato di barlume

di una nuda vita

-Ferreo è il cielo,

una cappa indolente

sbuffa di vapore

da fornaci prosciugate

Ultimo respiro,

esalato all’infinito

nel risucchio 

di orizzonti formattati

Assiepati alla linea 

terminale di luce,

Soglia di pianto

e stridore,

Grumi d’occhi,

riverbero boschivo

su sacrileghi profanatori

di testi sacri.

-L’attualità è una gabbia, piramide tombale della civiltà. La civiltà è una catacomba, sepolcro profondo della libertà. La libertà è un patibolo, tortura democratica, sotto democratico diluvio.

-Prodotti inscatolati, consegna standard di profili quietamente somiglianti. Benevolmente assemblati in serie e strascicanti su percorsi predefiniti. Il pre-Fine pre-ceduto dall’attimo. Sputi di viscere agglomerate e plagiate dalla melliflua lingua delle Università e del Meta-Mondo. 

Eco di brina, sollevati ambasciatore della tempesta, messo di tuoni, Blast!

Schizopoesie II
1
IL BESTIARIO DEI PIRLә
2
Lys Noir, Intervista internazionale
3
SCANDERBEG: UN MATTO CON UN SOGNO INSENSATO
4
Giampiero Neri: Un Maestro in luce
5
LA POLITICA NON È UNA COSA PER VECCHI

Gruppo MAGOG