TUA MADRE È MEGLIO DI TINDER

TUA MADRE È MEGLIO DI TINDER
Lettura boomer
A tutti quei ragazzi e ragazze che si scaricano app di dating in cerca dell'uomo o della donna ideale con cui condividere la propria vita, noi diciamo: chiedete a vostra madre.

Si, la madre.

Algoritm perfetto, con capacità di previsione dei nostri comportamenti ineguagliabile. Le app di incontri, per quanto possano essere perfezionate valutano il nostro profilo in base a un form che compiliamo probabilmente mentendo e all'analisi degli interessi che in realtà non ci interessano quando bazzichiamo sui social annoiati nel tragitto tra casa e lavoro.

Insomma su un noi parziale.

Sanno chi siamo grazie a uno spettro di informazioni limitatissimo, perché è quello che forniamo noi, volontariamente o meno. E la maggior parte delle volte nessuno di noi sa cosa vuole. E ancora più spesso quello che vegliamo alla fine ci ripugna. Quindi esaudire i nostri desideri è la ricetta della nostra infelicità. L’algoritmo-madre invece, ha accesso a un’altra dimensione del nostro io, una dimensione totale, profonda, viscerale, essendoci tra madre e figlio il rapporto che sussiste tra Creatore e Creatura.

Lei vede oltre il nostro desiderio transitorio.

Ben al di là della passione fugace, dell’invaghimento momentaneo, di quel taglio di capelli che credevamo eterno e di quei capi d’abbigliamento che quasi subito abbiamo dismesso ma che per un attimo abbiamo creduto essere il nostro stile.

Lei discerne ciò che in noi è stabile da ciò che in noi muta, conosce le leggi che ci muovono esattamente come Dio conosce il cuore dell’uomo. Sa ciò che per noi è giusto e quando ci lascia sbagliare è per avere ragione a tempo debito, quando sarà il giorno del suo giudizio universale.

La vita di un figlio è un lento e inesorabile rassegnarsi a questa verità che di anno in anno si rivela, e contro cui inutilmente abbiamo combattuto in età adolescenziale.

Perciò non appaltiamo a questi nuovi strumenti quella che è una funzione sociale di primaria importanza e da millenni delegata alle madri.

Quella di indicarci la donna della nostra vita.

Alla madre basterà uno sguardo, una semplice e banalissima chiacchierata con lei. Il suo non sarà giudizio etico né estetico, ma valutazione tecnico-astrologica a noi inintelligibile, in cui vengono combinati dati economici, sociali, geografici ed etnico-religiosi sussunti in un millisecondo da movenze, inflessione della voce, indumenti, acconciatura, dettagli minimi a noi ignoti, con parametri puramente sensitivoemotivoumorali, la cosiddetta valutazione a pelle.

Presentiamole dunque le donne papabili e assistiamo all’avvento di questo piccolo miracolo, in attesa del verdetto finale. La sua scelta probabilmente ci stupirà.

Forse all’inizio non saremo convinti, e chissà che la donna che sposeremo non ci sembrerà un’estranea.

Ci sentiremo come Abramo che non capisce perché il Signore gli ha chiesto un sacrificio così grande. E poi un giorno qualsiasi, basterà una parola, un gesto qualunque, il più insospettabile dei gesti e tutto tornerà al suo posto.

Era lei.

Per anni era sempre stata lei e non ce ne eravamo accorti, ne dubitavamo persino. Come avremmo potuto fare altrimenti, noi che siamo vincolati all’essere soltanto noi? Nostra madre, invece, erano secoli che lo sapeva.

CONTRO LE DONNE DALLA BOCCA PICCOLA (G.S.)

Valutavo stamani che una donna dalla bocca piccola è un po’ come una bottiglia dal collo troppo stretto. È come se l’abbondanza che essa contiene, e di cui essa si sostanzia, sia in qualche modo, in lei, costretta nel corpo dalla sua piccola bocca e da questa non ne fuoriesca che con difficoltà, come a piccole gocce insoddisfacenti e di converso poco altro ne riesca ad entrare e a sua volta con difficoltà.

Dunque anche per questa ragione, spesso la forma che assume la sostanza di tali femmine (munite di bocca minuta) si manifesta se non in maniera sproporzionata, bensì in connotati accentuati, il che è bene sin quando la troppa abbondanza dell’essere di tali creature non emerga evidentemente compressa dal collo di bottiglia troppo stretto di cui si è detto poco prima.

E per tale ragione, ritengo che l'essenza delle donne dal largo sorriso, sia in qualche modo sottoposta ad una pressione interna al corpo minore.

Per questo donne dal largo sorriso risultano nelle forme spesso, certo, meno esuberanti, bensì più raffinate e di bellezza più rilassata, naturale ed armonica.

Perché da tale imboccatura bei sorsi soddisfacenti ne possono uscire e ben altro ne può entrare con ampio margine di manovra per l’immaginazione e la creatività che tanto noi popoli latini contraddistingue dagli altri barbari per audacia e raffinatezza, internazionalmente riconosciuta.

UN’ODE ALL’ANDATA DI CORPO (G.S.)

cascano gli occhiali 

nella curva iperbolica 

di sforzo propulsivo,

s’aggrotta lo sguardo

in tratto di follia,

È sguardo di guerriero 

Circondato da piastrelle

in candida maiolica

nella curva iperbolica

di sforzo propulsivo. 

Dove l’uomo si trasforma

in un alleggerirsi 

che è una metamorfosi

da cittadino a combattente, 

perché dietro

ad un sorriso di bontà 

C’è lo sguardo di un guerriero

nella sua curva iperbolica

di sforzo propulsivo

circondato da piastrelle

in candida maiolica

ove la bianca porcellana

porge l’altra guancia

1
LA SINISTRA RIPARTA DA CICALONE
2
CJALDE MA FLAPE
3
Barbonaggio e Basataggine
4
NON SAPPIAMO PIU' PENSARE
5
Blast presenta: CONnessioni

Gruppo MAGOG

La politica e i social, TikTok ci salverà
Mattualità

La politica e i social, TikTok ci salverà

Ormai da più di una settimana i nostri amati leader dei partiti sono sbarcati su tiktok.
2 anni
CARL SCHMITT CONTRO TUTTI: DIALOGO POSTUMO SULL'ORLO DEI TEMPI. (PRIMA PARTE)
Connessioni

CARL SCHMITT CONTRO TUTTI: DIALOGO POSTUMO SULL'ORLO DEI TEMPI. (PRIMA PARTE)

Dialogo febbrile con lo spirito di uno dei più grandi giuristi e filosofi del Novecento, Carl Schmitt, ultimo cantore dello Ius Publicum Europaeum e consigliere politico intimissimo di Blast nella nascente era del multipolarismo.
2 anni
REATO DI MEME
Mattualità

REATO DI MEME

“Ma che memiamo a fare?” Quante volte che ci siamo posti questa domanda, vero ragazzi?
4 mesi
L’INCONTRO ACCELEREAZIONARIO DEL DECENNIO 
Mattualità

L’INCONTRO ACCELEREAZIONARIO DEL DECENNIO 

L'Incontro del Millenio: Zuckerberg-Musk, e sul perché Carlo Calenda dovrebbe lasciar fare. LAISSEZ FAIRE, caro Carlo!
11 mesi
25 Aprile: Puttane, puttanate e puttanieri
Proclami

25 Aprile: Puttane, puttanate e puttanieri

Buon 25 Aprile, grazie Zuck XOXO!
2 anni