La Risposta dell’Architetto (che bulimizza gli articoli altrui)

La Risposta dell’Architetto (che bulimizza gli articoli altrui)
Attenzione, perchè questo articolo è in quattro quarti è di seconda mano.

Una risposta. Un addendum che sovralimenta il lavoro di Anonimo Milanese sul LARP politico.

Producendo nelle vastità craniche del qui presente, l’immagine di una Scimmia che sgrana gli occhi. Attraverso il cranio del primate, in trasparenza, c’è materia grigia che pulsa, collega memi di diversi autori.

Sussulta e si riallinea in un disegno coerente, intuitivo. La Scimmia sa.

Neuron activation.

larper neuron activation

Il che, causa nel soggetto la necessità di compilare la ricetta completa.

L’antipasto di Anonimo Milanese sapeva di TERRORGRAM, Gilles Deleuze, UFI e salsa digitale. Stuzzica le viscere, è speziato a sufficienza, smuove lo stomaco e produce bella Cacca purificatrice.

Ma perché accontentarsi? C’è spazio per il primo, il secondo ed il dolce, e nel BLAST siamo di buona forchetta. Sapori rossi, sapori neri. Sapori di polvere da sparo al limone.

Da ingoiare al grido di FUOCO E FIAMME, FUOCO E FIAMME, mentre i commensali della gang di T-Bird, da Il Corvo del 1994, sbraitano come bertucce, ingoiano proiettili, cacano cartucce.

Mi metto ai fornelli.

Primo piatto. Portata principale dell’essenza del LARPatore. Spandrell. L’Autore della galassia NRx e creatore del libello Biological Leninism, ci suggerisce un motto.

Ossia: La Disfunzione è il motore della Rivoluzione!. Il quale, in quarantasei stringatissime pagine, ci spiega come i disadattati, i pariah, siano naturalmente attratti dalle offerte politiche Sovversive. Il LARPatore è un Efialte che ha provato a integrarsi nel sistema, ma ha fallito.

È un fallito, e la natura dell’ambiente artificiale che abita, l’ha relegato ai suoi margini.

Un incidente di percorso incapace di avere successo nella famigerata Società Industriale o post-Industriale.

Siamo solo al primo piatto amaro, e la cena è già pronta per il bidone dell’Umido?

NO!

Il LARPer è, nonostante tutto, vivo ed in salute, la salute giustifica la fame, e deve ripulirsi la bocca dal sapore amaro di Rifiuto da parte del sistema, nel quale non può, o non percepisce di potere, avere Successo al suo interno. Il secondo piatto è Theodore Kaczinsky. L’ambizione salata, umami, proteica e succulenta del Processo di Potere.

Il nutrimento fondamentale per la psiche di un uomo. La ricerca di conquista di uno spazio vitale fisico o virtuale, che il mondo civilizzato troppo pieno, già bulimico e megastrutturato, tenta di placare offrendo Surrogati alla Soia della vita vera.

Ma il LARPer è un gourmet, il Seitan politico dei Surrogati non gli basta, perchè la fame della Disfunzione Bioleninista è pretenziosa. Lui si Mangia i Mostri.

Come fosse in Dungeon Meshi.

Ma dove trovare il Dolce, il tocco finale per la realizzazione e coronamento del cenone? Ma certo, nel Deterritorializzato e Depersonalizzato mondo di maschere di Internet. Il Carnevale di Venezia i cui Re Pagliacci divoratori di Crostoli si chiamano Deleuze e Guattari.

Qui il LARPer può partecipare al Processo di Potere e i suoi surrogati nacondendo le deformità o magnificandole con la lente della Postironia liberamente.

Che il Dolce di Internet sappia di ultraDestra o xenoSinistra, per lui è irrilevante. Viene servito a raffica, su quei tapis roulant dei ristoranti Sino/Giapponesi, avanguardie ipertecnologiche dell’Alimentazione tramite Automazione.

Zootecnia Umana alimentata a dolcini gommosi decorati di ideologia.

Di tutti i colori e sapori. Rossi e spartani. Tradizionali, a strati castali. Ripieni al Vril. Rondelle di Wevelsburg. Arcobalenati, dal misterioso ripieno marrone senza elica e timone

SAZIO.

La Grande Opera è compiuta, il LARPer è trasformato, conquistato, rintronato

Nelle cucine, intanto, c’è qualcuno che ridacchia sotto al cappello dello Chef.

UN RATTO FOTTUTO  e già si sfrega le mani sulle note della Hava Nagila

Lui, il principale ispiratore e manina manipolatrice che ha cucinato TUTTO e si è accuratamente studiato i fenomeni e i passaggi di preparazione di questa Pipeline Culinaria.

E se vi sembra richiamare le accuse di decine di internettiani mutanti libleft, che in ogni cucina di internet si nasconda un GROOMER ILLIBERALE che si approfitta degli affamati, sappia che HANNO RAGIONE, ma come al solito, per le ragioni sbagliate, e l’accusa a dito puntato serve a coprire una colpa fondamentale:

Il LARPer, l’hanno affamato LORO, offrendo sul menu della loro mensa obbligatoria solo i sovracitati e borghesissimi Surrogati alla Soia della vita.

IL RATTO RIDE

Non chiede neanche il conto. Sa benissimo che il LARPer, il Disfunzionale Motivato, diventerà dipendente a vita dai suoi buonissimi piatti anche se diventa Obeso e ancora più Disfunzionale (Tutto fa brodo quando i militanti sono Gratis, e pagheranno col sudore della fronte e partorendo con dolore il peccato di aver mangiato MOLTO PIU’ di una Mela)

Finchè non muore di LARP.

O non si mette a dieta, toccando l’erba con l’esofago che, come per i Cani, ripulisce dagli errori di gioventù che di tanto in tanto risenti in bocca come un reflusso gastrico e li rigetti.

“Oh no. Cringe.”

Oh No cringe larper

In sintesi, o meglio, tl;dr

Il LARP politico è un fenomeno sia Autoalimentante (come un Centopiedi Umano Spandrell>Kaczinsky>Deleuze&Guattari di Disfunzione Circolare) causato dagli scarti umani secondo il metro della Società Industriale, che un processo cosciente, doloso e desiderato. Quindi, inevitabilmente diverrà un elemento portante, impossibile da abolire, un elemento naturalizzato nel nostro ecosistema Reale/Virtuale, finchè questo campa.

E se non campa, Bilioni devono Morire di indigestione.

Sono il Droga Verde, e questo è il mio servizio completo dopo l’antipasto di Anonimo Milanese.

Buon Appetito.

Passo, e Ciudo.

Larper chudjak
1
“Siete insetti”
2
Ultimi Romantici
3
Figli della Stessa Rabbia- Overanalisi dell'Identità Europea
4
Italia 2050 parte 2: il Maovimento con Di Maio
5
COME VEDI LA TERRA?

Gruppo MAGOG